NOVEMBRE 2021: un anno di Hammerblow!

11.11.2021

"SIN AFTER SIN"

Non prendiamoci in giro: questo editoriale lo aspettavo come un bambino aspetta i regali di Natale. Con buona pace degli psicanalisti autodidatti, senz'altro pronti ad accusarci di cedere a pulsioni nerd, alla nostalgia ed altri "peccati"!


"CASERECCIO & INTERNAZIONALE"

Il volantino pubblicitario che distribuivamo all'epoca nei negozi di dischi, ai concerti e alle fiere, per farci conoscere, recava proprio questo slogan!

volantino pubblicitario di Hammerblow - circa 2003-2004
volantino pubblicitario di Hammerblow - circa 2003-2004

Un paio di settimane fa, a Bologna, ho incontrato casualmente un vecchio amico che si è congratulato per la resurrezione di Hammerblow, la cui prima "edizione" rientrava evidentemente tra le sue letture dell'epoca. Già, perché questa fanzine è sempre stata come quei programmi televisivi di genere trasmessi dalle emittenti regionali: mai sotto ai riflettori o in prima pagina, certo, ma sempre presenti nelle "maratone" (e nel cuore) di ogni tele-fanatico.

Bene, l'autocompiacimento è finito. Oggi, Hammerblow 2.0 compie un anno e, come tutte le parate nostalgiche (e un po' narcisistiche), ha affiancato ai pezzi inediti stralci di celebrazione del vecchio archivio: non solo interviste ripubblicate, ma brandelli di reportage e di recensioni sono stati reintegrati in articoli di nuova stesura (ne sono un esempio le due puntate di "Bug del Millennio" oppure la retrospettiva dedicata a Jon Oliva). Ed anche la continuità col passato è sistemata.

E' molto importante, però, ribadire che TUTTO il lavoro prodotto da Hammerblow tra la fine del 2002 ed il 2005 non sarebbe stato possibile senza i collaboratori "storici", oggi giustamente impegnati con il proprio percorso di vita ed i propri interessi, vecchi e nuovi. Alessandro, Francesco e Gianluca (in ordine alfabetico, unica sequenza che non fa torti a nessuno!) hanno costituito il nucleo di cui il volantino nella foto è testimone, e saranno sempre e comunque parte della storia di Hammerblow.

Dulcis in fundo, concedetemi un'ulteriore riflessione prettamente...musicale: non sono affatto un estimatore delle carriere strascicate di cui ormai vivono quasi tutti i big del passato. E' sufficiente constatare le condizioni in cui riversano ormai da anni le laringi iconiche dell' Hard n'Heavy (Coverdale, Bon Jovi, ma potremmo andare avanti ad oltranza), che molti continuano a difendere con giustificazioni...pericolanti. Su Hammerblow non si accettano scuse: sentite come cantano Frank Dimino e Joe Lynn Turner, a settant'anni!

Massimo

Copyright © 2020-2022
E' VIETATA LA RIPRODUZIONE TOTALE E PARZIALE DEI CONTENUTI TESTUALI DI QUESTO BLOG.
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis! Questo sito è stato creato con Webnode. Crea il tuo sito gratuito oggi stesso! Inizia